UN SI’ UNANIME IN COMMISSIONE PER LA LEGGE LAVORO ABRUZZO DEL M5S

Categoria: News / Tag:
31/05/2018 17:39:36

È stato riapprovato in data odierna all’unanimità nella seduta della III Commissione consiliare attività produttive il progetto di legge del Movimento 5 Stelle “Misure a sostegno delle imprese e dell’occupazione sul territorio regionale e di contrasto alle delocalizzazioni produttive”.

La legge, che dopo un anno di iter aveva già goduto dell'approvazione unanime delle commissioni bilancio e attività produttive, degli uffici legislativi, del comitato per la legislazione e del delegato competente di Giunta Giovanni Lolli, aveva infatti subito lo stop in Consiglio da parte del Presidente Luciano D’Alfonso con motivazioni che si sono rilevate ben presto stridenti con il contenuto della proposta ed era stata rinviata in Commissione.
Oggi, all’unanimità, il progetto di legge è stato riapprovato. Riconfermandosi un buon testo per incentivare l’occupazione in Abruzzo. 

Sono soddisfatto del risultato che si è nuovamente raggiunto quale primo firmatario del testo.

Lavoro Abruzzo, si propone di rilanciare e salvaguardare l’occupazione sul territorio regionale attraverso premialita', contributi e agevolazioni alle imprese di nuovo insediamento a patto che le stesse si impegnino a mantenere strutture e forza lavorativa all’interno della nostra regione per un determinato numero di anni. Prevista per il mancato rispetto dei parametri di legge la restituzione alle casse regionali dei contributi ricevuti. Previste inoltre agevolazioni per favorire il rientro in regione di quelle imprese che hanno già delocalizzato all’estero, cosiddetto back reshoring.

Ho espresso grande compiacimento anche perché la proposta di legge è stata molto apprezzata oltre che dal delegato di giunta Giovanni Lolli dagli assessori D’Ignazio e Berardinetti e dal Consigliere regionale Olivieri che hanno deciso di apporre la loro firma al testo.

Una legge come questa in Abruzzo è più che mai necessaria e di fondamentale importanza; allarmante infatti è il numero sempre più crescente delle aziende che decidono di licenziare e delocalizzare le attività produttive all’Estero. Non è solo la massimizzazione del profitto a scatenare il fenomeno e a rendere difficile il fare impresa, ma una serie di fattori tra i quali burocrazia, costo del lavoro, tasse, deficit logistico-infrastrutturale, difficoltà di accesso al credito e costi energetici. Da qui la necessità di prevedere una legge con l’obiettivo precipuo di favorire nuovi insediamenti d’impresa e ridare slancio ai livelli occupazionali. 
Ora, vista l’importanza del provvedimento, non resta che aspettare che l’intero consiglio regionale approvi al più presto la legge.

Riccardo Mercante